La caffeina influisce sui livelli di dopamina?

Se ti sei mai chiesto perché ti senti meglio dopo aver bevuto una tazza di caffè, la risposta potrebbe sorprenderti. La caffeina aumenta la produzione del tuo cervello di uno dei neurotrasmettitori “sensibili” noti come dopamina. Tra le sue altre funzioni, la dopamina è nota per le sue proprietà che aumentano il piacere.

Il piacere non è l’unica funzione della dopamina. La dopamina svolge un ruolo fondamentale nella salute emotiva e mentale. Secondo un articolo del 2005 “Monitoraggio sulla psicologia”, una pubblicazione dell’American Psychological Association, la dopamina è associata al controllo del motore, alla motivazione e al desiderio. La dopamina è importante anche per l’emozione, la cognizione, l’assunzione di cibo, la regolazione endocrina e molte altre funzioni corporee vitali. Una revisione pubblicata nel diario del gennaio 1998, “Recensioni fisiologiche”, afferma che i problemi con la regolazione della dopamina possono essere legati a disturbi quali la malattia di Parkinson, la schizofrenia e altri. L’abuso di alcuni farmaci, come la cocaina o la metamfetamina, provoca una produzione anormalmente di dopamina nel tuo cervello.

La caffeina è una delle sostanze più diffuse, presenti in molte bevande come cola, tè e caffè, nonché prodotti alimentari come il cioccolato. Come per la cocaina e la metamfetamina, la caffeina provoca un aumento della produzione di dopamina del tuo cervello, portando ad aumentare i sentimenti del benessere e dell’umore positivo. Secondo gli autori Bennett Alan Weinberg e Bonnie K. Bealer nel loro libro “Il mondo della caffeina: La scienza e la cultura del farmaco più popolare al mondo”, come queste droghe illegali, la caffeina produce una maggiore concentrazione di dopamina nelle sinapsi del tuo cervello.

Una revisione pubblicata nel numero del luglio 1997 del giornale “Farmacologia, Biochimica e Comportamento” afferma che studi comportamentali preclinici mostrano che la caffeina produce un aumento del comportamento associato a farmaci che aumentano la dopamina, come la cocaina e l’anfetamina. Uno studio pubblicato nel numero di agosto 2002 della rivista “Psychopharmacology” ha esaminato le proprietà coinvolgenti della caffeina a causa della sua influenza sull’aumento della produzione di dopamina e dell’acetilcolina nei ratti di laboratorio. Mentre la maggior parte degli studi sull’influenza della caffeina sulla dopamina è stata condotta su ratti di laboratorio, i risultati di questi studi possono essere estrapolati per applicarsi anche agli esseri umani.

La caffeina è pensata per avere un basso potenziale di abuso e pertanto è considerata un farmaco atipico stimolante, secondo una revisione del marzo 2005 pubblicata nella rivista “Behavioral Pharmacology”. Tuttavia, qualsiasi droga prelevata può causare effetti nocivi. Secondo il partner di Drugfree.org, la tolleranza alla caffeina comporta la necessità di consumare più alti livelli di caffeina. Se prese in grandi quantità, la caffeina può causare tosse, tensione e disturbi del sonno. I sintomi di ritiro dalla caffeina possono causare sintomi simili a quelli di altri farmaci a base di stimolanti.

Dopamina

Come la caffeina influenza la dopamina

Studi clinici

considerazioni