Le donne in gravidanza possono bere tè di zenzero?

Nel corso della gravidanza, la maggior parte delle donne ha nausea e vomito regolarmente. I preparati a base di erbe, come il tè di zenzero, possono aiutare a alleviare i sintomi della malattia di mattina, anche se le prove che lavorano sono “limitate e non coerenti”, secondo una revisione del 2010 degli studi sugli zenzeri pubblicati in “The Cochrane Database of Systematic Reviews”. Dovresti consultare il proprio medico prima di prendere preparazioni a base di erbe per scopi medicinali.

Lo stelo sotterraneo dello zenzero è utile sia come medicina che come spezia. È possibile utilizzare lo zenzero come polvere, olio, succo o nella sua forma fresca. Per molti anni, le persone hanno usato questa erba per trattare disturbi quali la diarrea, la colica, la malattia di mattina, il dolore stomaco, il gas e la nausea. Lo zenzero può anche aiutarti a alleviare il dolore da dolore muscolare, bronchite, tosse, crampi mestruali, problemi toracici e retti e infezioni del tratto respiratorio superiore. Inoltre, alcune persone spremono l’erba e applicano il succo fresco sulle ustioni. Uno dei componenti chimici dello zenzero è usato nella fabbricazione di farmaci antiacidi, lassativi e anti-gas.

Circa il 50% al 90% delle donne in gravidanza provano nausea e vomito nel primo trimestre di gravidanza, secondo un articolo del 2007 “International Journal of Food Properties”, anche se i ricercatori non hanno stabilito la causa. La nausea e il vomito della gravidanza (NVP) possono ridurre o aumentare l’assunzione di cibo. Inoltre, può influenzare l’appetito e la scelta del cibo, compromettendo così la qualità della vostra dieta. Attualmente, la maggior parte dei paesi non ha concesso in licenza alcun particolare farmaco per il trattamento di NVP. Due alternative e complementari terapie per NVP sono lo zenzero e la vitamina B-6.

Uno studio canadese, introdotto dal Programma Motherisk di Toronto, ha rivelato che più del 50 per cento delle donne in gravidanza usano le tavolette di zenzero o il tè, secondo l’articolo di “International Journal of Food Properties”. Altri studi hanno stabilito che tra il 6 e il 12 per cento delle donne in gravidanza utilizzano preparati a base di erbe aromatiche per lo zenzero per il trattamento di NVP. In questi studi, le donne che hanno usato lo zenzero hanno sperimentato una significativa diminuzione di NVP. È interessante notare che i ricercatori hanno anche osservato una riduzione del rischio di perdere le gravidanze tra le donne che hanno usato lo zenzero.

I ricercatori hanno collegato l’efficacia dello zenzero nel trattamento della NVP alla sua capacità di impedire o di aiutare a espellere il gas. Ginger usa gli effetti gastrici per aumentare il passaggio ritmico degli alimenti lungo il tratto digestivo, chiamato peristalsi. A differenza dei farmaci, lo zenzero non agisce sul sistema nervoso centrale. Invece, agisce solo sul tratto digestivo e evita così le complicazioni associate a stimolare il sistema nervoso. I composti chimici chiamati [6] -goerol e [6] -shogaol sono pensati per dare allo zenzero le sue proprietà anti-nausea.

Secondo l’Università di Maryland Medical Center, è molto improbabile che si verificherà effetti collaterali dall’uso dello zenzero. Ma un’elevata dose può irritare in bocca e dare un bruciore di stomaco dolce. Il centro avverte che le donne in gravidanza non devono assumere più di 1 grammo di zenzero al giorno e dovrebbero sempre discutere di usarlo prima con il medico. Inoltre, nel caso in cui si hanno calcoli biliari o sono stati pianificati per un intervento chirurgico, informi il medico prima di prendere il tè di zenzero.

A proposito di Ginger

Nausea e vomito

Prova scientifica

Modo di agire

Prendere le precauzioni